Preloader
La storia di Fantic Motor

La storia di Fantic Motor: quando le moto italiane sognavano l’America

La storia di Fantic Motor: quando le moto italiane sognavano l’America

Un nuovo marchio entra nel mondo Cafe Twin: l’italianissima Fantic Motor, che da oltre 50 anni è un riferimento quando si parla di off-road.

La famiglia Cafe Twin si allarga.
Dopo Royal Enfield e una storia fatta di accessori e customizzazione dedicate a tutte le moto, con particolare predilezione per le Triumph, arriva una ventata d’italianità nel nostro headquarter: Fantic Motor.

Quando si parla di Fantic, oggi come ieri, si pensa subito al Caballero.
Ma la storia del marchio italiano è ben più grande di questa moto, seppur leggendaria.

Le origini

fabbrica fantic motorFantic nasce nel 1968 da un uomo che i motori li ha nel sangue, Mario Agrati, che si stacca dall’azienda di famiglia, la Garelli e insieme a Henry Keppel fonda la Fantin Motor a Barzago con l’obiettivo di produrre mini-bike, go-kart ed enduro per il mercato americano.

 

I primi passi di Fantic vengono segnati da un’intuizione che si rivelerà più che fortunata: ad Eicma 1969 Fantic porta il primo Caballero.
Motore 2 tempi da 49 cc realizzato da Motori Minarelli di Bologna, dimensioni importanti per un cinquantino ma ben più simile a una moto da competizione “regolarità” con tanta luce a terra, parafanghi alti e il look di una enduro fatta e finita.
Il nome, esotico e western allo stesso tempo, si deve al vizio del fumo di Keppel, che era solito acquistare le sigarette olandesi Caballero.La moto ebbe subito successo di pubblico e la campagna “marketing” che Fantic escogitò per il lancio del modello: vennero reclutati piloti di primo piano come Mike Hailwood e Jarno Saarinen ma anche campioni di altri sport, come il calciatore Sandro Mazzola.
Una volta in garage gli adolescenti dell’epoca erano soliti il carburatore Dell’Orto da 14mm, a norma di legge per l’epoca, con il maggiorato da 19mm.
Una modifica tanto frequente che spinse Fantic a dotare i Caballero per l’esportazione con il carburatore più grande.
Dalla seconda serie del Caballero arrivò la doppia versione, a 4 o 6 marce, e dopo le versioni targate, da 100 e 125 cc, che però non ebbero lo stesso successo del capostipite.

la_storia_del_marchio_fantic_

Non solo Caballero

Il successo del modello spinse la Casa a puntare su un segmento opposto: nacque la Chopper, ispirata alla pellicola Easyrider.
Anche per questo modello arrivò prima la versione 50 cc motorizzata Minarelli, e dopo le motorizzazioni 100 e 125 cc, con propulsore marchiato Morini.
Un terzo modello fu quello che tra le motorizzazioni più grandi (si fa per dire) riuscì ad avere un buon riscontro di vendite: il Fantic Strada, prodotto all’inizio degli anni ’80 e che si poneva come diretto concorrente di Honda CB 125, Gilera TG2, Laverda LZ e Aprilia ST.

I risultati però arrivarono anche in campo sportivo: Fantic divenne regina incontrasta nel trial alla fine degli anni ’80, vincendo tre mondiali in 4 anni tra 1985 e 1988.

successi_enduro_fantic_motor

La storia di Fantic Motor recente

Le attività di Fantic vennero interrotte nel 1997, ma nel 2003 viene acquistata da Federico Fregnan che continua l’impegno del marchio nell’enduro e resuscita il nome Caballero, anche se lo usa per una specialistica da off-road.
Nel 2014 il gruppo VeVeNetwork acquista Fantic e affida la gestione a Mariano Roman, ex direttore tecnico di Laverda e Moto Guzzi, e finalmente il successo ritorna.
Il Fantic Caballero gode di una seconda giovinezza, nelle versioni 125, 250 e 500 e in due allestimenti Scrambler e Flat Track.
Le linee richiamano il passato glorioso, ma i contenuti sono moderni così negli anni il nuovo Caballero si afferma come una delle moto italiane di maggior successo sul mercato, e si allarga anche la famiglia con gli allestimenti Anniversario, Rally e Deluxe.

caballero_rally_roma_cafe_twin

Fantic Motor rimane comunque un riferimento nell’enduro

Fantic Motor rimane comunque un riferimento nell’enduro con la gamma XEF, i cui modelli vengono declinati in motard nella famiglia XMF e getta le basi future anche nel motocross con la XX 125.
E visto che sia la mobilità che il divertimento a due ruote hanno tante sfaccettature Fantic Motor ha recentemente lanciato Issimo, e-bike ispirata al tubone degli anni ’80, ma anche due famiglie di bici a pedalata assistita (Urban e E-MTB).

Curiosi di saperne di più?
Passateci a trovare in via Mesula 12!

VISITA IL CONCESSIONARIO

Chiudi
Chiudi

Sign in



Moneta