Preloader
Triumph Custom, come creare la special perfetta in poche semplici mosse

Triumph Custom, come creare la special perfetta in poche semplici mosse

Per rendere la Triumph una moto unica non servono lavori da migliaia di euro, bastano gli accessori giusti.
Ecco come trasformarla in una triumph custom

La Casa di Hinckley ha da poco indetto il suo Triumph Bonneville Build-Off 2020, un concorso che ormai si avvia alle fasi finali e che eleggerà la special più bella creata dai concessionari inglesi.

L’evento ormai è alle fasi finali ed è riservato ai customizer d’Oltremanica, ma l’occasione è perfetta per trarre ottimi spunti sulla customizzazione della gamma Modern Classic di Triumph.

Vediamo allora, modello per modello, le idee migliori da portare anche sulle nostre special inglesi e trasformarle in Triumph Custom.

Triumph Bonneville

Sullo storico modello di Hinckley si è visto e soprattutto si è fatto di tutto, ma niente paura, c’è ancora modo per distinguersi in sella ad una Bonneville!

Una via ancora poco battuta per rendere unica la moto simbolo dell’eleganza marchiata Triumph è quella di renderla minima e aggressiva, un vero e proprio bombardone.

Bonneville Cafe RacerScarichi corti, meglio se cortissimi, manubrio largo per una guida adrenalinica e vecchia scuola e una coppia di ruote che ne accentuino la cattiveria, insieme ad un bel tocco di vernice a telaio e serbatoio (che non fa mai male) possono trasformare l’icona inglese in una roadster che fonde il fascino del passato alle linee più contemporanee.

Se invece è il tocco racing quello che cercate sulla vostra Bonnie, basta guardare all’affascinante mondo del flat track.

Anche in questo caso si può raggiungere lo scopo senza modifiche troppo invasive: basta scegliere la sella giusta, ancora meglio se con codino in stile tracker, rimuovere i fianchetti originali per sostituirli con tabelle portanumero pronte ad essere personalizzate, cambiare il gruppo ottico e gli indicatori di direzione per donarle un look più minimale, e già che ci siamo darle il giusto sound con uno scarico che ne esalti la voce.

Bonneville Custom Flat TrackNon è da sottovalutare poi qualche intervento tecnico, come un upgrade delle sospensioni, che la rendono più comoda su strada e più adatta a percorrere anche tratti in fuoristrada se accompagnate dalla giusta coppia di pneumatici.

 

Triumph Thruxton

La cafe racer per eccellenza: Triumph Thruxton è stata sin dal suo esordio un instant-classic, ma questo non significa che il suo look possa essere esaltato con qualche piccolo e semplice ritocco.

Thruxton CustomBasta infatti snellirne ulteriormente le forme con uno scarico più compatto dell’originale, intervenire sul frontale e sul retro con degli indicatori di direzione e fari dalle dimensioni contenute e, affidandosi a dei customizer professionisti accorciare il parafango anteriore. Ah, naturalmente anche in questo caso lo scarico è un must che non può mancare.

 

Triumph Street Scrambler 900

Scarico alto e gomme tassellate: la Triumph Street Scrambler 900, ma anche la vecchia Bonneville Scrambler o la più recente Scrambler 1200, rappresenta il lato più adventure tra le modern classic di Hinckley.

Renderla unica è tutt’altro che difficile: basta scegliere gli accessori giusti!

Per aumentare il look vintage sin dal primo sguardo cupolino e parafango anteriore alto sono imprescindibili, pedane aftermarket dentate e paramotore arricchiscono la dotazione e diventano utili alleati se si decide di buttare le ruote oltre l’asfalto, e cimentarsi con il fuoristrada.

triumph Scrambler CustomNaturalmente per rendere una Street Scrambler ancora più scrambler non possono mancare una coppia di gomme tassellate e uno scarico che sappia far girare tutti al nostro passaggio: si può scegliere di rimanere con il terminale alto, ma ci sono anche scarichi bassi che esaltano le linee della Street Scrambler.

 

Triumph Speed Twin

E’ l’ultima arrivata, insieme alla Scrambler 1200 della gamma Modern Classic di Triumph, ma si è imposta subito grazie a numeri da vera roadster, tanto da rappresentare una validissima alternativa a chi non vuole i semimanubri della Thruxton, ma non rinuncia ai numeri e al godimento del bicilindrico inglese da 1.200 cc.

Anche in questo caso specchietti end-bar, cupolino e scarico aftermarket possono fare la differenza, ma si può osare tanto di più.

Se la Speed Twin deve essere la base per una special degna dei più famosi saloni custom del mondo trasformarla in una carenata fatta e finita potrebbe prendere spunto da questo esemplare: avvolta nella carenatura originale di una vecchia Daytona, e con le dovute accortezze che solo un team di meccanici professionisti può avere, il risultato è a dir poco incredibile!

Speed Twin Custom

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi

Entra

Cafe Twin

Royal Enfield Roma e Officina moto Custom



Valuta


it Italian
X